Assemblea Pastorale 20 gennaio 2017 ore 20.30

Il Santo Padre ha inviato alla sua Curia degli auguri natalizia molto speciali.
Io li invio a voi, cambiando la parola curia con la parola parrocchia e invitandovi già da ora ad una assemblea pastorale di inizio anno il 20 gennaio.

Cari fratelli, non sono le rughe che nella Chiesa si devono temere, ma le macchie! In questa prospettiva, occorre rilevare che la riforma di una parrocchia sarà efficace solo e unicamente se si attua con uomini “rinnovati” e non semplicemente con “nuovi” uomini . La riforma non si attua in nessun modo con il cambiamento delle persone – che senz’altro avviene e avverrà – ma con la conversione nelle persone. Senza un mutamento di mentalità lo sforzo funzionale risulterebbe vano.

In questo percorso risulta normale, anzi salutare, riscontrare delle difficoltà, che, nel caso della riforma, si potrebbero presentare in diverse tipologie di resistenze:

  • le resistenze aperte, che nascono spesso dalla buona volontà e dal dialogo ‎sincero;
  • le resistenze nascoste, che nascono dai cuori impauriti o impietriti che si alimentano dalle parole vuote del “gattopardismo” spirituale di chi a parole si dice pronto al cambiamento, ma vuole che tutto resti come prima;
  • ‎esistono anche le resistenze malevole, che germogliano in menti distorte e si presentano quando il demonio ispira intenzioni cattive (spesso “in veste di agnelli”).

Tutto questo sta a dire che la riforma è un delicato processo che deve essere vissuto con fedeltà all’essenziale, con continuo discernimento, con evangelico coraggio, con ecclesiale saggezza, con attento ascolto, con tenace azione, con positivo silenzio, con ferme decisioni, con tanta preghiera – tanta preghiera; ma in primo luogo con l’abbandonarci alla sicura guida dello Spirito Santo, confidando nel Suo necessario sostegno.

ALCUNI CRITERI GUIDA DELLA RIFORMA:

Individualità
Torno a ribadire l’importanza della conversione individuale senza la quale saranno inutili tutti i cambiamenti nelle strutture.

Pastoralità
Richiamando l’immagine del pastore ed essendo la parrocchia una comunità di servizio, «fa bene anche a noi, chiamati ad essere Pastori nella Chiesa, lasciare che il volto di Dio Buon Pastore ci illumini. Che nessuno si senta trascurato o maltrattato, ma ognuno possa sperimentare, prima di tutto qui, la cura premurosa del Buon Pastore». Dietro le carte ci sono persone.

Missionarietà
È il fine principale di ogni servizio ecclesiastico ossia quello di portare il lieto annuncio a tutti i confini della terra. Senza vita nuova e autentico spirito evangelico, senza fedeltà della Chiesa alla propria vocazione, qualsiasi nuova struttura si corrompe in poco tempo».

Sinodalità
Il lavoro della Curia dev’essere sinodale: la sinodalità dev’essere vissuta anche per evitare la frammentazione che può essere determinata da vari fattori, come il moltiplicarsi di settori specializzati, i quali possono tendere ad essere autoreferenziali.

Cattolicità
È opportuno prevedere l’accesso a un numero maggiore di fedeli laici. Di grande importanza è inoltre la valorizzazione del ruolo della donna e dei laici nella vita della Chiesa e la loro integrazione, con una particolare attenzione alla multiculturalità.

Vorrei concludere semplicemente con una parola e con una preghiera.

“Il mondo è stanco e sfinito perché fa a gara a chi è il più grande. C’è una concorrenza spietata tra governi, tra Chiese, tra popoli, all’interno delle famiglie, tra una parrocchia e un’altra: chi è il più grande tra di noi? Il mondo è piagato da ferite dolorose perché il suo grande morbo è: chi è il più grande? Ma oggi abbiamo trovato in te il nostro unico medicamento, Figlio di Dio. Noi e il mondo tutto non troveremo né salvezza né pace, se non torniamo a incontrarti di nuovo nella mangiatoia di Betlemme. Amen”

Grazie, e vi auguro un santo Natale e un felice anno nuovo 2017!

Mi unisco a questi santi auguri del Papa, nell’impegno di sentirci tutti parte di questo tentativo di rendere la nostra Chiesa più conforme al Vangelo e ai segni dei tempi. E vi invito già da ora VENERDI’ 20 GENNAIO alle ore 20,30 per una assemblea parrocchiale nella quale:

  • riprenderemo queste parole del Papa sulla riforma
  • condivideremo la nostra progettualità per il nuovo anno pastorale.

Buon Anno

Don Federico

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento