Una serata sulla Gioia dell’Amore

Amoris Laetitia” ovvero, “La gioia dell’amore” – così Papa Francesco ha denominato l’Esortazione apostolica inerente “l’amore nella famiglia” a seguito dei due sinodi sulla famiglia: uno straordinario del 2014 dal tema “Le sfide pastorali della famiglia nel contesto dell’evangelizzazione”, e l’altro ordinario del 2015 sul tema “La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo”. Non a caso è datata proprio al 19 marzo, giorno della solennità di San Giuseppe. Con essa, il Papa afferma con forza la vera realtà della famiglia nella sua complessità mediante uno sguardo aperto e profondamente concreto alimentato da un’attenzione pastorale alla realtà. Pertanto, offre numerosi spunti spirituali di fondamentale utilità all’interno della coppia e quanti abbiano desiderio di costruire una famiglia. Infatti, vuole essere non una dottrina del matrimonio bensì una esortazione sull’amore.

La serata organizzata per sabato 19 novembre 2016 trae ispirazione da quanto ha voluto trasmettere Papa Francesco, in particolare al capitolo VI in merito all’accompagnamento della coppia nei primi anni di vita matrimoniale:

  1. I Padri sinodali hanno indicato che «i primi anni di matrimonio sono un periodo vitale e delicato durante il quale le coppie crescono nella consapevolezza delle sfide e del significato del matrimonio. Di qui l’esigenza di un accompagnamento pastorale che continui dopo la celebrazione del sacramento (cfr Familiaris consortio,  parte III). Risulta di grande importanza in questa pastorale la presenza di coppie di sposi con esperienza. La parrocchia è considerata come il luogo dove coppie esperte possono essere messe a disposizione di quelle più giovani, con l’eventuale concorso di associazioni, movimenti ecclesiali e nuove comunità. Occorre incoraggiare gli sposi a un atteggiamento fondamentale di accoglienza del grande dono dei figli. Va sottolineata l’importanza della spiritualità familiare, della preghiera e della partecipazione all’Eucaristia domenicale, incoraggiando le coppie a riunirsi regolarmente per promuovere la crescita della vita spirituale e la solidarietà nelle esigenze concrete della vita. Liturgie, pratiche devozionali ed Eucaristie celebrate per le famiglie, soprattutto nell’anniversario del matrimonio, sono state menzionate come vitali per favorire l’evangelizzazione attraverso la famiglia».[251]
  2. Questo cammino è una questione di tempo. L’amore ha bisogno di tempo disponibile e gratuito, che metta altre cose in secondo piano. Ci vuole tempo per dialogare, per abbracciarsi senza fretta, per condividere progetti, per ascoltarsi, per guardarsi, per apprezzarsi, per rafforzare la relazione. A volte il problema è il ritmo frenetico della società, o i tempi imposti dagli impegni lavorativi. Altre volte il problema è che il tempo che si passa insieme non ha qualità. Condividiamo solamente uno spazio fisico, ma senza prestare attenzione l’uno all’altro. Gli operatori pastorali e i gruppi di famiglie dovrebbero aiutare le coppie di sposi giovani o fragili a imparare ad incontrarsi in quei momenti, a fermarsi l’uno di fronte all’altro, e anche a condividere momenti di silenzio che li obblighino a sperimentare la presenza del coniuge.

 

 La serata prevede la partecipazione alla Messa delle ore 18:00 animata per l’occasione dal coro gospel “7 Hills Gospel choir”  la cui principale caratteristica è proprio quella di trasmettere messaggi di amore e gioia nelle proprie esibizioni. A seguire, vi sarà la condivisione della cena e una fondamentale esposizione e confronto sull’Amoris Laetitia.

 

 

amoris_img

 

 

 

7Hills Gospel Choir

7Hills Gospel Choir

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento